Crea sito

Ryobi Luis 5500 HX

Coloro che sono soliti praticare la tecnica del vertical sanno quanto sia importante avere un combo canna-mulinello dal peso contenuto che consenta di  praticare per molte ore consecutive questa tipologia di pesca senza affaticare il braccio, ed una adeguata robustezza per affrontare con la dovuta tranquillità e sicurezza il combattimento anche con esemplari di taglia ragguardevole.  Il mulinello è generalmente il componente che più incide sul peso della accoppiata e sul quale si scaricano le maggiori sollecitazioni durante l’azione di pesca e l’eventuale combattimento. Di conseguenza la scelta del mulinello deve essere ben ponderata, prendendo in considerazione tre parametri fondamentali: leggerezza, potere di chiusura della frizione e robustezza della componentistica.

Shimano e Daiwa hanno per anni monopolizzato la scena, proponendo modelli come Saragosa, Spheros o Seagate, ma da metà 2012 è presente sul mercato un’interessante alternativa di casa Ryobi proposta da Tubertini, già produttrice di uno dei mulinelli entry level più utilizzati nello spinning al siluro, l’Applause, e della potente serie AP Power, utilizzati con soddisfazione in tecniche più gravose come la break/boa o spinning e pesca dalla barca nelle misure più piccole. Stiamo parlando del Luis 5500 HX.

Primo piano del Ryobi Luis 5500HX

Primo piano del Ryobi Luis 5500HX

A prima vista quello che salta all’occhio è la grande somiglianza al Ryobi Vertigo, sempre distribuito dalla Tubertini. In effetti possiamo affermare che i progettisti Ryobi hanno lavorato sodo per migliorare ulteriormente il già prestante Vertigo, rendendolo adatto ad impegni più gravosi come il light jigging, lo spinning pesante e appunto la pesca a verticale del siluro. Vediamo nel dettaglio le differenze e in quali punti si è rafforzato il Luis.

A differenza dell’alluminio di cui è costituito il Vertigo, il corpo del Luis è completamente costruito in Metal Royal, una lega leggera che conferisce leggerezza e al contempo solidità, resistenza ad urti, cadute e alle sollecitazioni a cui può essere sottoposto durante il combattimento. Il peso della misura 5500 testato è infatti molto contenuto, appena 356 grammi La bobina alleggerita è invece in alluminio forgiato a freddo, ed essendo sviluppato per la pesca in mare, è trattata con doppia anodizzazione per resistere alla salsedine.

Altro particolare che salta all’occhio e che differisce di molto dal Vertigo è la manovella ed il pomello. Se prima era richiudibile, soggetta alla lunga a giochi e dal pomello poco ergonomico in pesche gravose, essa ora si presenta in alluminio, monoblocco (azzerando così ogni possibile gioco) e corredata da un pomello alleggerito che conferisce una presa efficacissima durante il combattimento.

La manopola da combattimento alleggerita

La manopola da combattimento alleggerita

Come nel Vertigo è riproposta la particolarità che permette di abbinare ad un corpo ridotto una bobina sovradimensionata, ovvero il  sistema “V-Shaped Rotor Arm” che consiste nella leggera divaricazione dei bracci del rotore. Tutto questo a vantaggio di un minor peso e di una maggiore capienza. La bontà dell’avvoglimento delle spire del trecciato sulla bobina è conferita invece dal sistema ad oscillazione lenta di brevetto Ryobi. Impressiona inoltre la solidità del telaio rinforzato monoblocco su cui alloggia il rullino guidafilo e il generoso archetto in alluminio cavo (monobail). Per quello che riguarda la meccanica interna invece, si è lavorato per aumentare la robustezza dei componenti, la fluidità (portando ad otto i cuscinetti) e l’affidabilità, eliminando il comando dell’antiritorno.

Assenza del comando dell'antiritorno

Assenza del comando dell’antiritorno

La frizione infine è composta da tre dischi di acciaio abbinanti a dischi in carbonio. Il tutto permette di raggiungere il massimo potere di chiusura della frizione per un mulinello di queste dimensioni: ben 15 libbre, ovvero oltre i 6 kg.

Il pomello di controllo della frizione, sottodimensionato secondo i nostri gusti

Il pomello di controllo della frizione, sottodimensionato secondo i nostri gusti

Abbiamo utilizzato in diverse battute di pesca il Ryobi Luis 5500 HX abbinato alla canna Vertical Cat della Ethnic Tubertini potendo esprimere in seguito a diverse catture e ad un utilizzo intensivo nella pratica del vertical, le seguenti considerazioni:

Il peso contenuto lo rende ideale per un uso continuativo ed intensivo senza che il braccio risulti affaticato. Questo ci permette di pescare per tanto tempo e senza che la fatica influisca sul giusto movimento da compiere. Il corpo in Metal Royal garantisce e conferisce in combattimento una sensazione di  robustezza che ci permette di affrontare il combattimento in tutta tranquillità, così come la manovella ed il pomello, quest’ultimo veramente comodo da afferrare. Per quanto riguarda il potere di chiusura della frizione, considerando la taglia del mulinello non possiamo sicuramente aspettarci i 10-15 kg dei mulinelli che siamo soliti utilizzare in altre tecniche. Tuttavia i mulinelli di altre case produttrici utilizzati nella pesca a vertical e di egual misura hanno in genere 5 kg come potere, mentre il Luis ne possiede ben 6 kg. Altro punto positivo è la capienza della bobina,come detto prima sovradimensionata rispetto al corpo, e quindi in grado di ospitare la necessaria metratura di treccia per pescare ottimamente da natante. Volendo trovare i lati non positivi (ma sono dettati dalle preferenze personali), la manopola della frizione è relativamente piccola rispetto al diametro della bobina. Questo non incide sul funzionamento ma sulla accessibilità e comodità di regolazione. Una manopola più grande sarebbe risultata sicuramente di più rapida individuazione ed utilizzo, specie durante il combattimento o in caso di uso di guanti nella stagione invernale, che riducono la sensibilità del tatto. L’unico altro appunto potrebbe riguardare la manovella. Essendo monoblocco non è richiudibile, risultando ingombrante nel trasporto, previo il completo smontaggio. Senza utilizzare il sistema presente sul Vertigo che alla lunga può dare origine a giochi, risulterebbe ideale il sistema adottato dalla Shimano per i mulinelli con manovelle monoblocco, ovvero con l’innesto dell’albero filettato e non passante, in cui semplicemente svitando in senso orario, si allenta il blocco permettendo la chiusura su se stessa. A parte questi due unici aspetti influenzati più che altro dai gusti personali, il Ryobi Luis 5500 HX si propone come un’ottima alternativa ai mulinelli presenti sul mercato, strizzando anche l’occhio al portafoglio, grazie ad un prezzo non economico (la qualità si paga comunque), ma abbordabile ed inferiore ai suoi concorrenti.

Manovella monoblocco

Manovella monoblocco

Per altre informazioni visitate il sito Tubertini