Crea sito

Report Carpitaly 2018

Terminata pochi giorni fa la ventesima edizione di Carpitaly, traguardo importantissimo per una fiera dedicata esclusivamente a due tecniche di nicchia quali il carpfishing ed il catfishing. La Fiera Millenaria parla nel suo report finale di oltre 12000 visitatori e più di 100 espositori.

Aldilà dei numeri, avendo visto altre fiere di settore all’estero (come quella francese di Montluçon), credo che a livelli di “eventi e spettacoli” sia purtroppo ben lontana da altre realtà oltre confine.. rimane comunque l’appuntamento più sentito per gli appassionati di queste discipline, anche solo per rivedere vecchi amici o aggiornarsi sulle ultime novità. Già, le novità.. quelle che sono mancate per quello che riguarda il catfishing. O meglio, erano quasi assenti proprio le aziende produttrici.

Ecco cosa abbiamo trovato:

Trabucco – Cat Gear

L’unica azienda ad aver portato novità consistenti! Cat Gear propone l’intera linea di canne rinnovata, con attrezzi dedicati a tutte le tecniche di pesca: fireball, vertical, dinamica, spinning, break line, ecc.

Nuova serie CatGear

Linea Cat Gear

Placche portamulinello con ghiera di bloccaggio in metallo

Esteticamente richiamano la serie precedente (e forse un pò troppo quelle di un marchio tedesco) con la classica colorazione giallo-nera e un effetto “vernice crepata” che ritroviamo in diverse zone del fusto. Moderni i portamulinelli dotati di doppia ghiera di bloccaggio (dici una in metallo) e di finestre che lasciano intravedere il fusto.

Effetto “crepato”

L’altra novità è il nuovo promoter di casa Cat Gear, ovvero il giovanissimo Nicolò Damanti, a cui facciamo i nostri più grandi auguri per l’inizio di questa avventura!

Nicolò Damanti

Per altre informazioni: Cat Gear

Black Cat

Presso il negozio Pesca Fish era presente come sempre Matteo De Grandi a rappresentare il Team Black Cat Italia.

Matteo De Grandi, Black Cat

Di nuovo era possibile vedere le nuove Silu Spin e Silu Vertical. Azione rimasta invariata, cambiano le finiture, inserendo una nuova veste dell’EVA.

Dettaglio Silu Vertical e Silu Spin

Siluro Vertical e Silu Spin

Per altre informazioni: Black Cat

NG Fishing

La più innovativa e dinamica realtà tutta italiana sul siluro quest’anno aveva uno stand tutto suo in cui era possibile acquistare tutti i prodotti della propria linea! La vera novità, molto attesa tra gli appassionati, è stata la canna Over 275, sviluppata assieme a Marco Turrini ed il Team NG. Era presente il campione non ancora definitivo, quindi non abbiamo volutamente fatto foto in quanto non rappresentative.. abbiamo però potuto toccarlo con mano e “tirare“. Per coloro che affrontano il Grande Fiume e sono spesso a contatto con pesci di taglia, la canna rappresenta un’attrezzo ideale. Forse in fiumi minori o con esemplari non di taglia potrebbe essere un pò troppo potente, ma è una opinione personale senza aver avuto modo di testarla sul fiume. E’ comunque una canna Made in Italy creata da zero facendo prove su prove.. e già questo è da ammirare!

Catalogo NG

Stand NG

V-Sliding

Matteo Desirò, Team Ng, e la Over 275

Per altre informazioni: NG Fishing

Fishcon

L’azienda emiliana ha esposto un prototipo di un picchetto portacanne compatto allungabile. 

Dettaglio incisione

Composto in acciaio inox, a differenza dei soliti profili a “V” questo presenta una doppia piega in grado di aumentare la resistenza. Dotato di protezione in gommapiuma nel punto di appoggio del fusto della canna e di strip in velcro fermacanna per evitare spiacevoli inconvenienti.

Fermacanna

Verrà creato in due lunghezze, una più corta, lunga 1110mm in estensione massima e 620 mm da chiusa dal peso di 1,7kg, ed una versione più lunga, ideale per la pesca dalle spiagge, dalle misure non ancora definite.

Ovviamente la peculiarità principale è la possibilità di richiudere il picchetto facendo scorrere i due pezzi, rendendo il trasporto molto agevole.

Picchetto chiuso

Per bloccare e sbloccare il serraggio dei due pezzi è presente una comoda manopola. Sotto di essa si trovano due fori rettangolari in cui è possibile alloggiare un traversino utile come appoggio per il piede durante l’inserimento nel terreno.

Maniglia di blocco

Grazie ad una vite trasversale di bloccaggio, può ospitare qualsiasi canna: semplicemente svitandola e posizionandola in uno dei fori previsti, si può scegliere l’altezza giusta.

Dettaglio

L’idea, per dovere di cronaca, sappiamo tutti non essere nuova, il prodotto è però ben realizzato e potrebbe essere corredato anche con un accessorio che eviti la rotazione nella sabbia e di una pratica borsa per il trasporto.

Per altre informazioni: Fishcon

Raymarine

Come negli ultimi due anni, Raymarine ha esposto la linea di ecoscandagli tra cui il Dragonfly, prodotto che ha riscosso parecchio successo grazie alle sue caratteristiche.

Dragonfly

Per altre informazioni: Raymarine

Pro Boats

Interessantissimo prodotto per coloro che utilizzano ecoscandagli e motori elettrici è Jaro Cells, ovvero batterie al litio. I vantaggi consistono in una maggiore leggerezza (tutti sappiamo quanto pesano le comuni batterie al gel o al piombo) ed una maggiore durata: 1 Ampere di una comune batteria equivale ad 1,3 Ampere di una al Litio.

Versioni stagne e a valigetta

 Oltre alle classiche versioni stagne a 12V e 24V sono presenti comodissime valigette stagne che, oltre a rendere il trasporto più agevole e confortevole grazie alla maniglia dalle finiture gommate, danno la possibilità di collegare diversi accessori grazie alle prese predisposte. 

Prese multiple adatte a qualsiasi device

Il cuore della batteria all’interno della valigetta

La valigetta aperta

Un display sul coperchio indica la carica della batteria, per avere sempre sotto controllo la situazione ed evitare brutte sorprese. Il livello di carica, i cicli di ricarica ed altri dati è inoltre possibile leggerli direttamente sul proprio smartphone grazie alla connettività bluetooth e all’App scaricabile sull’App Store o Google Play.

Display visualizzatore della carica e maniglia gommata per un trasporto agevole

Per altre informazioni: Pro Boats

Legnovivo

Impossibile non fermarsi ad ammirare quelle sculture in legno create dall’artista Stefano Piasenza. Non solo riproduzioni di pesci, ma anche clonk e altri bellissimi oggetti a tema ittico per arredare la propria casa in sintonia con la propria passione!

Siluretto

Clonk artistico

Clonk artigianali

Carpa

Tinca

Per altre informazioni: Legnovivo

Big Games River Po

Presente anche quest’anno Paolo Di Paola e la sua immensa Carolina Skiff con la quale vi condurrà verso la cattura di carpe e siluri da sogno sul Grande Fiume Po.

Big Games River Po

presente anche l’Humminbird con i suoi ecoscandagli, e la Fox con la linea Fox Cat Rage (che mi è sfuggita da fotografare purtroppo).

Carpitaly è anche famoso per l’impegno nella lotta al bracconaggio. Grazie alle conferenze qui organizzate, la politica ha scoperto il problema del bracconaggio, ed ogni anno vengono svolti nuovi incontri su cui fare il punto. Quest’anno è stata svolta una conferenza sul bracconaggio al sabato e una sulla presentazione della proposta della nuova legge per la regolamentazione della pesca sportiva (ricordiamo che quella in vigore è degli anni ’30) alla domenica. Ad onor del vero al sabato non era presente molta gente, forse perchè distribuita nei due giorni. Si è voluto nuovamente evidenziare il ritorno economico che la pesca sportiva ha nei confronti della pesca professionale, con gli esempi sulla disciplina del bassfishing apportati da Fanfani. Si richiede all’unisono il riconoscimento della figura professionale della Guida di pesca, che porterebbe nuovi posti di lavoro e nella quale potrebbero essere convertiti i pescatori di professione (per non lasciare famiglie sul lastrico come la politica crede).  Sarebbe importante che la pesca professionale diventi sostenibile, che escluda alcune specie e non preveda il commercio di pesce vivo. Inoltre un aumento della costo della licenza di pesca professionale potrebbe portare nuovi fondi per il controllo della stessa e di altre attività più o meno illegali sul  fiume (ad esempio i wallercamp), così come l’aumento del costo di alcune specie potrebbe disincentivarne il consumo e di conseguenza la predazione. Una soluzione alternativa alle reti, potrebbe essere anche l’allevamento di pesce. Di strada ce n’è ancora tanta da percorrere, vedremo cosa la politica sarà in grado di fare.. per adesso cerchiamo noi pescatori di tornare sui fiumi ed essere le sentinelle d’allarme!

Conferenza sul bracconaggio